Associazione Sindacale Pugno Chiuso

.

Percorso

ACER E COMUNE DI BOLOGNA CONTINUANO A FARE CASSA SULLA NOSTRA PELLE.
Dopo le dichiarazioni (16/12/2016) dell'assessore Gieri (PD), in Gandusio è successo di tutto.
Ci riferiamo all'annuncio di evacuare i palazzi di via Gandusio 6, 8, 10, 12, per intascare i 27 milioni di euro (tutti soldi pubblici) del piano Ri-genera, 10 milioni provenienti direttamente dalla svendita delle case popolari a Bologna nel biennio 2013-2014.
In Gandusio NESSUN INQUILINO SA CHE FINE FARA’ una volta fuori di casa.
NESSUN INQUILINO è stato informato nei 2 anni e mezzo passati dall'approvazione del progetto di manutenzione straordinaria. L'UNIVERSITÀ DI BOLOGNA e i “sindacati” degli inquilini SUNIA, SICET e UNIAIT si erano impegnati per iscritto a parlare in tutti i quartieri del progetto RIG.ENER.A... MA NEI PALAZZI POPOLARI TUTTO TACE. LE ISTITUZIONI SONO ASSENTI O COMPLICI DEL MALAFFARE.
A Bologna e soprattutto in Gandusio, le istituzioni hanno solo creato MODERNI ghetti dove sperimentare i contratti a termine, con la scusa dell’EMERGENZA ABITATIVA.
Per fare cassa e fare mangiare gli amici costruttori, voltano le spalle agli operai in difficoltà e alle loro famiglie. La soluzione per gli inquilini delle case popolari di Bologna e di Gandusio non è nelle istituzioni, ma nell’unione degli inquilini per difendere LE CASE POPOLARI.
Dobbiamo organizzare la risposta collettiva degli inquilini delle case popolari di tutta Bologna CONTRO il tentativo di liquidare la nostra lotta con i soliti metodi. Dobbiamo unirci sia per la difesa di Gandusio, che contro la svendita delle case popolari e contro la nuova legge regionale con cui ACER e Comune di Bologna si preparano a sfrattare altri 500|1000 nuclei familiari dalle case popolari cittadine.

LE CASE POPOLARI SONO STATE PAGATE CON LA GESCAL E CON LE TASSE SUI SALARI. SONO PROPRIETA' DELLA CLASSE OPERAIA DESTINATE A CHI NE HA BISOGNO.

ACER E COMUNE DI BOLOGNA: ABUSIVI!
ASSEMBLEA PUBBLICA
Via Gandusio 6/A Circolo “Guernelli”
Ore 15 – DOMENICA 15 GENNAIO 2017
ASSOCIAZIONE SINDACALE PUGNO CHIUSO
IL POTERE AGLI OPERAI

Pin It