La pagina "Attività tecniche" di ACER BOLOGNA a questo indirizzo

*** http://www.acerbologna.it/site/home/attivita-tecniche.html ***

...vi risulta in aggiornamento dal 24 marzo 2017?

Ecco cosa conteneva prima della pagina bianca di tutt'oggi: gli edifici popolari in cantiere per la riqualificazione energetica (FIGURE 1 e 2)

I quattro palazzi di Via Gandusio 6-8-10-12 risultano ricompresi nel "LOTTO C", peraltro indicati alla voce "EDIFICI NON ERP". I palazzi di Via Antonio Gandusio non sono più edilizia pubblica residenziale (ERP) ovvero case popolari? E da quando? E se fosse così, a che titolo ACER si occupa della loro gestione, in primis incassando gli esorbitanti affitti dagli inquilini residenti? E come mai è indicata come data di ultimazione lavori (ultima colonna a destra) il secondo trimestre del 2018, nonostante mentre questi dati erano ancora pubblici sul sito, i fondi destinati alla riqualificazione erano già stati stanziati dalla Regione Emilia-Romagna, dando così il via al vincolo temporale di 12 mesi per il loro utilizzo come prescrive il Piano Casa Nazionale? E come mai solo il 16 dicembre 2016, in sede di Conferenza degli Enti, ACER BOLOGNA con il suo presidente di allora Claudio Felicani, approvava bilancio preventivo 2017 ed il "programma triennale delle opere pubbliche 2017/2019" (http://www.acerbologna.it/site/home/articolo4767.html nel quale indica come data di avvio lavori per la riqualificazione energetica dei palazzi di Via Gandusio il 3° trimestre del 2017, ovvero i primi di ottobre di quest'anno?